La RAI omette di informare: no al canone, sì al cannone

È tanta la rabbia nel vedere che il servizio pubblico faccia un’informazione lacunosa e viziata, che si traduce in disinformazione. Siamo abituati al basso livello dei nostri giornalisti e della nostra stampa, ma credo che non aver parlato di iocoltivo.eu sia stato un fatto di una gravità estrema!

Una notizia golosa, ma non per la stampa nostrana venduta alle lobby anticannabis

Pensateci, qualunque giornalista vorrebbe fornire una notizia così ghiotta, stiamo parlando di una disobbedienza civile di massa, con una vera e propria istigazione a delinquere condotta via web e non ostacolata in nessun modo dalle forze dell’ordine. Io stesso ho taggato la Polizia di Stato in un mio post per allertarli dell’iniziativa in corso, è impossibile che non ne siano venuti a conoscenza (anche con tutta la disinformazione in atto), eppure il sito non è stato oscurato, ergo non solo non è reato piantare, ma neanche incitare a farlo! Parliamo di reati per cui si procede d’ufficio, non ci sarebbe stato bisogno di una denuncia.

E dunque come mai nessuno dei giornalisti di mamma Rai ha scritto neanche due righe ne fatto neanche due minuti di servizio?!? La risposta è evidente, sono venduti alle lobby anticannabis, e naturalmente non hanno la minima dignità ed etica professionale!

Ora se pensiamo che paghiamo il canone per avere un servizio pubblico di così basso livello e che comunque si vende ai padroni della pubblicità. Come già ho detto in un precedente articolo, è normale che la stampa non parli male dei loro padroni, peccato che dovremmo essere noi i padroni della RAI e non i venditori di farmaci e superalcolici.

Basta pagare il canone alla RAI

Ora come non mai credo sia il momento di smettere di pagare il canone a una televisione di scarso livello che preferisce fare gli interessi di chi paga la pubblicità piuttosto che quelli del popolo. Perché parlare di cannabis farebbe molto bene al popolo, ma D’amico, e i suoi colleghi, è tutto occupato a parlare di COVID e bufale. Quante cazzate gli ho sentito dire in questi giorni, è stato uno dei primi a riempirsi la bocca con “le mascherine solo agli ammalati”, spero si sia vergognato almeno un po’, lui che parla tanto di complottisti è il primo a sostenere un complotto!

Plauso al Fatto Quotidiano che è uno dei giornali migliori che abbiamo nel nostro paese, preferirei pagare loro che quegli incapaci della RAI! Eccovi di seguito i link ad alcuni articoli su iocoltivo pubblicati su questo vero giornale!

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/04/27/cannabis-la-campagna-di-disobbedienza-civile-iocoltivo-il-paradosso-fumare-non-e-reato-ma-si-rischia-il-carcere-se-si-coltiva/5783237/

(scritto da Mario Catania giornalista anche di Dolce Vita, tra gli organizzatori dell’iniziativa)

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/05/05/coronavirus-io-coltivo-per-limitare-gli-effetti-della-crisi-e-abbattere-il-mercato-nero/5791790/

…e mentre scrivo D’amico ancora ci parla di come lavarsi le mani, pagato con i nostri soldi, ma non si vergogna?!?

Dottore in Ingegneria Informatica, laureatosi con una tesi di ricerca presso il CNR sul riconoscimento biometrico utilizzando il pattern dell’iride umana, web developer e web marketer presso la web agency Web Lab24. Uomo di scienza, convinto antiproibizionista e utilizzatore di cannabis da oltre venti anni. Un fottuto aspie che controlla i suoi melt down e la sua asocialità con la cannabis, ma che se sente parlare un proibizionista non garantisce per la sua incolumità! Un cittadino in attesa di leggi più giuste e in attesa di risarcimento.

Sacerdote italiano di 72 anni, deceduto per coronavirus, ha rinunciato al suo ventilatore. È una bufala.

Don Giuseppe Berardelli, sacerdote a Casnigo, in Italia, è morto la scorsa settimana dopo essere stato infettato da COVID-19.

La storia della morte di Berardelli è stata ampiamente condivisa dopo che il sito mediatico italiano Araberara ha riferito che i parrocchiani hanno donato un ventilatore a Berardelli, ma ha rifiutato di usare il respiratore e invece lo ha dato a un paziente più giovane nello stesso ospedale.

La storia è stata condivisa da una varietà di siti di notizie regionali e globali

(altro…)

Giovanni Caggia, medico neurochirurgo pugliese, iscritto all’Ordine dei Medici della Provincia di Lecce in data 30.1.1981 con numero di iscrizione 3155, è attualmente responsabile del Dipartimento di Neuroscienze e Centro Cefalee dello Studio Radiologico Associato Calabrese di Cavallino (LE), struttura privata accreditata con il Sistema Sanitario Nazionale. Tra i primi dottori in Italia ad utilizzare la cannabis come terapia per per varie patologie.

Il laboratorio di Wuhan, 475 fratelli d’Italia morti, la cannabis illegale e le 5 merde

In questi giorni in cui è vietato uscire da casa, anche per procurarsi quella terapia che ti permette di lavorare e pagare le tante tasse a questo Stato Criminale proibizionista, forti si sollevano le enormi contraddizioni e assurdità del proibizionismo verso la cannabis e i suoi derivati, Ricordo ai miei 25 lettori che l’alcool etilico è acquistabile nei supermercati.

E così mentre chi si fa le canne, che non ha mai fatto male a nessuno, è criminalizzato e in questo periodo storico costretto a un’astinenza forzata, spesso con gravi disagi per sua la salute, gli sportivoni salutisti che si vanno a fare una corsetta mettono a repentaglio le nostre vite.

Chi scrive oltre un mese fa invitava i suoi amici a procurarsi delle mascherine, perché sarebbero finite. Invece un incapace come Speranza un mese fa chissà a cosa pensava, di certo non a legalizzare la cannabis, ne a rispettare le promesse fatte da quella bugiarda e incapace al cubo che lo ha preceduto.

Se i politici non legalizzano da decreto la cannabis entro un mese, auspico che vengano quanto prima messi in galera, giudicati e privati dei loro beni! Il proibizionismo toglie al popolo per far arricchire mafia e amici dei politici, come le case farmaceutiche. È un crimine peggiore del nazismo, anche quando applicato nella buona fede della becera ignoranza.

Le scorse 24 ore sono morti 475 italiani, oggi non ne moriranno molti di meno probabilmente. In questi momenti tutte le colpe vengono a galla, e il proibizionismo verso la cannabis è la più grande colpa che i sistemi sanitari di tutto il mondo hanno! Il nostro SS in particolare viste le note collusioni dei nostri governi, e amministrazioni tutte, con la criminalità organizzata e visto il ben noto utilizzo clientelare della Sanità, dagli appalti truccati alle forniture gonfiate!

Cosa c’entra il laboratorio di Wuhan vi starete chiedendo, niente! Ne parliamo in quest’altro articolo, dove è riportata la traduzione di un articolo scientifico di gennaio dello scorso anno scritto proprio dai ricercatori di questo laboratorio che parla appunto del corona virus nei pipistrelli. Volevo giusto attirare la vostra attenzione per spiegarvi perché dovete odiare i politici tutti, soprattutto i 5 stelle che hanno promesso e disatteso come nessun altro parlando di cannabis!

Dottore in Ingegneria Informatica, laureatosi con una tesi di ricerca presso il CNR sul riconoscimento biometrico utilizzando il pattern dell’iride umana, web developer e web marketer presso la web agency Web Lab24. Uomo di scienza, convinto antiproibizionista e utilizzatore di cannabis da oltre venti anni. Un fottuto aspie che controlla i suoi melt down e la sua asocialità con la cannabis, ma che se sente parlare un proibizionista non garantisce per la sua incolumità! Un cittadino in attesa di leggi più giuste e in attesa di risarcimento.

Tramadolo contro CBD per il dolore: vince il CBD!

Interessante testimonianza tratta da un blog americano su CBD e Tramadolo. Traduzione dell’articolo:
https://bottomlineinc.com/blogs/common-threads/tramadol-vs-cbd-for-pain-cbd-wins

Non era la telefonata che qualcuno vorrebbe mai ricevere: mia madre di 86 anni era caduta e stava andando in ospedale. Oh, accidenti! La buona notizia è che era “solo” una frattura da compressione di una delle sue vertebre: avrebbe potuto essere peggio in circa un miliardo di modi. Due notti di osservazione in ospedale e poi a casa con un menu cinese di farmaci, tutti progettati per gestire il dolore mentre il suo osso ha il tempo di guarire. Il menu includeva …

  • Cerotti di lidocaina da cambiare ogni 12 ore;
  • Ibuprofene (Motrin o Advil) ogni quattro ore;
  • Tramadolo ogni 4-6 ore se il dolore è troppo forte. Il tramadolo è un oppioide che può creare dipendenza ma meno rispetto ad altre opzioni;
  • Oxy-qualcosa nel caso in cui il dolore peggiori davvero. Questo è quello pesante.

La gestione del dolore in realtà è molto importante per una frattura come questa perché i medici non vogliono che il paziente rimanga a letto, il che aumenta il rischio di coaguli di sangue e polmonite. Invece l’obiettivo è quello di gestire il dolore in modo che il paziente possa effettivamente muoversi, anche se non saltare di nuovo in palestra o, nel caso di mia madre, portare il cane a passeggio e sedere al lavoro.

A suo merito, ha parlato dei rischi degli oppioidi e ha sottolineato che la mamma dovrebbe usare le opzioni più sicure prima di passare a quelle più potenti. E ha anche sottolineato che non sarebbe stato “indolore” ma che invece dovrebbe mirare a un dolore accettabile. Questo è un problema importante che si verifica con la gestione del dolore: settare le aspettative del paziente che il dolore deve essere tollerabile piuttosto che invisibile. Invisibile semplicemente non accade nella maggior parte dei casi e questa aspettativa incoraggia l’uso continuato dei farmaci.

Nonostante l’annuncio stile “pubblicità progresso”, il suo medico le prescriveva ancora non uno ma due oppioidi … ed era ancora più irremovibile sul fatto che avrebbe dovuto seguir entrambe le prescrizioni per tenere a bada il suo dolore in modo da poter alzarsi dal letto ed evitare altre complicazioni.

Conoscendo perfettamente i rischi associati agli oppioidi, mia madre è diventata il più conservatrice possibile: lidocaina, sì … Motrin, sì. E per i primi giorni, prendeva uno o due capsule di tramadolo al giorno per alleviare il dolore e lasciarla dormire. Non sembra poi così tanto.

Ma la scorsa settimana ho intervistato Bob Stuttman, ex capo dell’ufficio della DEA a New York, per uno dei nostri podcast Advocator, e mi ha detto che l’assunzione di oppiacei anche per soli quattro giorni può aumentare significativamente le probabilità che si instaurino tolleranza e dipendenza.

Lunedì, quattro giorni dopo la sua caduta, le ho inviato a casa un campione di pomata a base di CBD. Questo è un prodotto di cui abbiamo parlato ampiamente e che abbiamo aggiunto al nostro negozio dopo una lunga ricerca di un prodotto che soddisfaceva i nostri requisiti di alta qualità a un buon prezzo.

Quella sera ricevetti il seguente messaggio dalla mamma: “L’unguento è buono. Penso meglio della patch. ” Progresso.

La mattina dopo ricevetti un altro messaggio: “Non prendo più medicine dalle 21:00. Il balsamo è incredibile.” Successo!

È stata una settimana fa. Mia madre non ha più toccato Tramadol o Motrin da allora. E per fortuna, non ha mai dovuto estrarre l’Oxy-qualcosa dal pacchetto.

Vuoi provare la pomata al CBD?

Se dopo aver letto quest’articolo ti è venuta voglia di valutare su di te o su qualche tuo conoscente l’efficacia della pomata antinfiammatoria a base di CBD, ti consiglio questa in vendita su Amazon:

https://amzn.to/2CJtiwC

La pomata antinfiammatoria a base di CBD più venduta su Amazon con numerose recensioni positive da parte di chi la ha provata.

L’Olio di Canapa con elevata concentrazione di CBD agisce in sinergia con l’Olio di Rosmarino, la Canfora e il Mentolo per dare sollievo da numerosi disturbi e conciliare anche il riposo notturno.

Dottore in Ingegneria Informatica, laureatosi con una tesi di ricerca presso il CNR sul riconoscimento biometrico utilizzando il pattern dell’iride umana, web developer e web marketer presso la web agency Web Lab24. Uomo di scienza, convinto antiproibizionista e utilizzatore di cannabis da oltre venti anni. Un fottuto aspie che controlla i suoi melt down e la sua asocialità con la cannabis, ma che se sente parlare un proibizionista non garantisce per la sua incolumità! Un cittadino in attesa di leggi più giuste e in attesa di risarcimento.

Risoluzione del Parlamento Europeo sulla cannabis terapeutica del 13 Febbraio 2019

Il Parlamento europeo,

–  visto l’articolo 168 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

(altro…)

Dottore in Ingegneria Informatica, laureatosi con una tesi di ricerca presso il CNR sul riconoscimento biometrico utilizzando il pattern dell’iride umana, web developer e web marketer presso la web agency Web Lab24. Uomo di scienza, convinto antiproibizionista e utilizzatore di cannabis da oltre venti anni. Un fottuto aspie che controlla i suoi melt down e la sua asocialità con la cannabis, ma che se sente parlare un proibizionista non garantisce per la sua incolumità! Un cittadino in attesa di leggi più giuste e in attesa di risarcimento.

Perché i mass-media nascondono le informazioni sulla cannabis e disinformano?

I mass-media non vi dicono tutta la verità sulla cannabis perché se lo facessero fallirebbero.

Conoscete la teoria nota come modello di propaganda elaborata da Herman e Chomsky? Questo modello cerca di spiegare il funzionamento della propaganda nei mass-media: stampa, radio, televisione e anche il web in fondo.

(altro…)

Dottore in Ingegneria Informatica, laureatosi con una tesi di ricerca presso il CNR sul riconoscimento biometrico utilizzando il pattern dell’iride umana, web developer e web marketer presso la web agency Web Lab24. Uomo di scienza, convinto antiproibizionista e utilizzatore di cannabis da oltre venti anni. Un fottuto aspie che controlla i suoi melt down e la sua asocialità con la cannabis, ma che se sente parlare un proibizionista non garantisce per la sua incolumità! Un cittadino in attesa di leggi più giuste e in attesa di risarcimento.

Cannabis light? Legale o no?

Su questo sito ci occupiamo di cannabis medica, quindi ha senso parlare anche di cannabis light, perché che sia noto o meno a legislatori e magistrati, anche quella può sortire effetti terapeutici. E detto tra noi, sicuramente meglio cercare un po’ di relax con quella, che con l’alcol o le sigarette. Sarebbe ancora meglio farlo con dell’olio di CBD, senza inalare prodotti della combustione, ma questa è un altra storia o forse no.

(altro…)

Dottore in Ingegneria Informatica, laureatosi con una tesi di ricerca presso il CNR sul riconoscimento biometrico utilizzando il pattern dell’iride umana, web developer e web marketer presso la web agency Web Lab24. Uomo di scienza, convinto antiproibizionista e utilizzatore di cannabis da oltre venti anni. Un fottuto aspie che controlla i suoi melt down e la sua asocialità con la cannabis, ma che se sente parlare un proibizionista non garantisce per la sua incolumità! Un cittadino in attesa di leggi più giuste e in attesa di risarcimento.

Cannabis e disinformazione

Non ho ne la presunzione ne il tempo di riuscire a raccogliere in maniera sistematica la mole di notizie e fatti attinenti alla disinformazione che affligge la cannabis, e non potrei certo farlo in un solo articolo. Disinformazione a volte abilmente manovrata, come è successo in passato, e ancora capita. Altre volte disinformazione in buona fede, anche se è sempre discutibile la fede di chi informa male perché si informa poco e male.

(altro…)

Dottore in Ingegneria Informatica, laureatosi con una tesi di ricerca presso il CNR sul riconoscimento biometrico utilizzando il pattern dell’iride umana, web developer e web marketer presso la web agency Web Lab24. Uomo di scienza, convinto antiproibizionista e utilizzatore di cannabis da oltre venti anni. Un fottuto aspie che controlla i suoi melt down e la sua asocialità con la cannabis, ma che se sente parlare un proibizionista non garantisce per la sua incolumità! Un cittadino in attesa di leggi più giuste e in attesa di risarcimento.