N-Acetilcisteina per smettere di usare cannabis

L’antiossidante da banco (OTC) N-acetilcisteina (NAC), più noto per le sue proprietà mucolitiche e per essere un antidoto all’intossicazione da paracetamolo, può essere un potenziale trattamento per il disturbo da uso di sostanze (SUD). Sebbene la NAC non sia approvato dalla FDA o dall’AIFA per il trattamento del SUD, il meccanismo d’azione differisce da quello degli attuali farmaci approvati dalla FDA per i SUD, e numerosi studi suggeriscono che possa aiutare anche in patologie come la depressione e il disturbo ossessivo compulsivo.

Un rimedio per l’abuso di sostanze

Il potenziale di ampia applicabilità della NAC, il profilo favorevole degli effetti collaterali, l’accessibilità e il basso costo la rendono un’opzione intrigante per i pazienti con comorbidità multiple e potenzialmente per gli individui che abusano di più sostanze.

N-acetilcisteina e cannabis

Sono stati condotti degli studi anche riguardo la dipendenza da cannabis, e in particolare per i soggetti adolescenti si sono ottenuti risultati interessanti. Unita a opportune strategie di contigency management, la NAC ha migliorato le probabilità di successo dall’astenersi dalla cannabis.

È meno probabile che le persone che usano cannabis riferiscano conseguenze negative o cerchino cure rispetto a coloro che usano altre sostanze. Circa il 9% delle persone che fanno uso di marijuana sviluppa disturbi da uso di cannabis; coloro che iniziano a usare marijuana prima dell’adolescenza corrono un rischio maggiore. Le ragioni comunemente riportate per voler smettere di usare la marijuana includono la preoccupazione per le conseguenze sulla salute, il recupero o la dimostrazione dell’autocontrollo, il risparmio di denaro, l’evitamento di conseguenze legali, l’ottenimento o il mantenimento di un impiego e riduzione dei conflitti interpersonali.

La NAC potrebbe essere particolarmente utile nel ridurre il consumo di marijuana tra gli adolescenti (di età compresa tra 15 e 21 anni).

Visto il basso, quasi nullo, profilo di rischio e i numerosi vantaggi alla salute che l’assunzione di NAC comporta se ne consiglia l’assunzione a chi vuole smettere di usare cannabis.

Approfondimento: NAC può correggere la disregolazione del glutammato

Circa l’85% degli individui con un disturbo da uso di sostanze non cerca un trattamento per questo, e quelli che lo fanno sono più anziani, hanno una storia di utilizzo più lunga, hanno una dipendenza più grave e hanno già cercato un trattamento numerose volte. Nel momento in cui la maggior parte delle persone cerca un trattamento, anni di uso cronico di sostanze hanno probabilmente portato a significativi adattamenti cerebrali. Gli individui con SUD spesso indicano che il loro uso di sostanze è iniziato come un’attività piacevole: gli effetti della droga erano piacevoli ed erano motivati ​​a usarla di nuovo. Con l’uso ripetuto di sostanze, possono iniziare a sviluppare un desiderio più forte di usare la droga, guidato non necessariamente dal desiderio di piacere, ma dalla compulsione.

Numerosi adattamenti neurali sono alla base del passaggio dal “liking” verso una sostanza al dedicarsi nell’uso compulsivo della stessa (craving) caratteristico del SUD. Ad esempio, l’uso ripetuto di una sostanza che crea dipendenza può provocare un eccesso di glutammato nel nucleus accumbens, un’area del cervello che gioca un ruolo critico nella motivazione e nell’apprendimento. Di conseguenza, è stato proposto che le farmacoterapie che aiutano a correggere la disregolazione del glutammato possano essere efficaci nel promuovere l’astinenza o prevenire la ricaduta verso una sostanza, diminuendo il craving verso la stessa.

NAC può invertire la disfunzione neurale osservata nei SUD. Si ritiene che la NAC sovraregoli (up-regulate) il trasportatore del glutammato (GLT-1) che rimuove il glutammato in eccesso dal nucleo accumbens. Diversi studi pubblicati forniscono informazioni più approfondite sulla neurobiologia della NAC.

Il profilo degli effetti avversi della NAC è relativamente benigno. Nausea, vomito, diarrea e sonnolenza sono relativamente rari e lievi. La biodisponibilità della NAC è compresa tra il 4% e il 9% circa, con un’emivita di circa 6,25 ore se somministrata per via orale. Poiché la NAC è classificata come integratore da banco, la potenza e la preparazione possono variare in base al fornitore.

Migliori LED COB per coltivare piante indoor

In Italia non è purtroppo ancora consentito coltivare cannabis con elevato tenore di THC, ma è possibile piantare quella cosiddetta light, con molto CBD e quasi niente THC e sicuramente l’anno prossimo si voterà in merito con un referendum popolare. Ti stai chiedendo quale sia la migliore lampada a LED per coltivare cannabis a un prezzo abbordabile ottenendo delle rese decenti? Bene sei nel posto giusto, continua pure a leggere.

Cos’è un LED COB?

La parola COB è in realtà l’abbreviazione di Chip-on-Board e le luci LED COB sono luci appositamente progettate con chip LED che sono montati direttamente in un substrato per formare un singolo modulo. Poiché più LED sono cablati e messi tutti insieme, formano fondamentalmente un’unica fonte di luce.

(altro…)

LED Niello per coltivare cannabis

Coltivare cannabis è vietato, ma se il numero di piante è esiguo, e a maggior ragione se se ne fa un utilizzo terapeutico, è ormai più che lecito, almeno a giudicare dall’attuale orientamento giurisprudenziale e anche per puro buon senso, quel senso pratico, e umano, di cui ci si augura siano dotate sia le forze dell’ordine che i magistrati.

Inoltre mentre scrivo sono state quasi raggiunte le 500.000 firme necessarie per indire un referendum e rendere legale la coltivazione ed è anche in attesa di seguire il suo iter un testo da pochi giorni uscito dalla commissione Giustizia, che renderebbe possibile coltivare fino a 4 piante, ridicolo per tante ragioni che le capre ignoranti e belanti dei politici proibizionisti ignorano, ma sarebbe già una gran cosa.

(altro…)

Curarsi da soli: non fatelo da casa

Curarsi da soli, facendosi autoprescrizioni non è una cosa auspicabile, ma in alcuni casi singolari è la cosa migliore che possa accadere. Sono un ingegnere informatico di 45 anni, vecchio ordinamento, laurea conseguita brillantemente con una tesi sperimentale riguardo image processing e riconoscimento biometrico, conto in banca in attivo e nessun debito con la giustizia. Se nonostante le difficoltà che i tratti autistici, diciamo così, e quello che ne consegue, ho ottenuto tanti, non solo quelli citati, traguardi professionali e sociali, lo devo in prima linea alla cura che mi sono prescritto da me e naturalmente che il caso mi ha un po’ prescritto! Cura in continua evoluzione del resto, e che tendenzialmente in futuro spero di ridurre al solo uso di cannabis, meditazione e conseguimento di obbiettivi (anche questa è una cura!).

Fortunatamente ho avuto la possibilità di accedere a gran parte dei farmaci che mi sono e mi sono stati utili, anche grazie ad alcuni professionisti medici con cui mi sono consultato. Alcuni di questi farmaci potrebbero essere acqua fresca per alcuni, e pericolose sostanze che portano all’abuso per altri. Per me sono stata la salvezza, e non sono le benzodiazepine o gli antidepressivi SSRI che in genere gli psichiatri prescrivono praticamente a tutti, non sono neanche antipsicotici o stabilizzatori dell’umore, anch’essi tanto cari agli psichiatri, e che magari in tanti casi sono anche utili.

Le sostanze che ho usato di più e grazie alle quali anche con patologie invalidanti come l’ansia generalizzata ho potuto ottenere tutto quello che ho ottenuto sono le seguneti:

  • cannabis;
  • tramadolo;
  • gabapentin e pregabalin;
  • alcol etilico; (inclusi birra e vino)
  • caffeina e nicotina.

Ovviamente non sono le uniche sostanze che ho utilizzato nella mia vita, ma credo siano quelle a cui devo la maggior parte degli effetti terapeutici sul breve e sul lungo periodo dal punto di vista neuropsichiatrico. Molti di questi farmaci non li utilizzo più e altri sto smettendo di usarli, o lo faccio a periodi. Sono lucido e in salute, e anche se sono pieno di lavoro da fare per i tanti clienti, trovo il tempo per scrivere queste righe. Forse perché ritengo importante rompere qualche schema sbagliato e irrazionale, sicuramente perché ho voglia di farlo. Si tratta giusto della testimonianza di un cittadino non tanto qualunque ma in fondo non tanto diverso da te che leggi queste righe.

Chiedere sempre ai dottori, magari a più di uno

Ora io sono un caso davvero eccezionale (le sostanze ti aiutano ma possono davvero rovinarti la vita), e solo a onor della cronaca riporto quanto scritto, e non per invitare nessuno a usare queste sostanze. Semmai a farne valutare l’utilizzo dai professionisti che dovrebbero seguire chi ha problemi neurologici e/o psichiatrici. Il pregabalin viene dato da molti medici in Italia e non solo come acqua fresca, magari demonizzando oppiacei e oppioidi e spacciandolo come un farmaco sicuro. Non lo è assolutamente se non sotto stretto controllo, facilmente può indurre dipendenza e abuso in alcuni soggetti. È un farmaco importante per gestire certi tipi di dolore neuropatico, e sicuramente anche per controllare certi tipi di epilessia e di sindromi ansiose, ma non è un farmaco dal basso profilo di rischio come viene spacciato dal sistema sanitario nazionale. La cannabis è molto più sicura è paradossalmente è illegale. Il CBD è sicurissimo, e in molti casi potrebbe sostituire o coadiuvare oppiacei e farmaci come il pregabalin, ma è boicottato ampiamente!

Leggi questo recente articolo su quanto sia pericoloso il pregabalin se usato senza le dovute precauzioni

Fare sport è una gran cura per tutto

Non dovrebbe esserci bisogno di dirlo, è ovvio: lo sport, nelle sue varie forme, è un’ottima terapia. Lo sport svolto in modo opportuno è un prezioso alleato nella ricerca del benessere psico-fisico. Con o senza l’utilizzo di sostanze attive sul SNC.

Una pianta boicottata

Si dovrebbero studiare sui banchi di scuola i motivi per cui a un certo punto della storia dell’umanità la cannabis, pianta da cui la stessa umanità aveva tratto di tutto nel corso dei precedenti secoli, è stata resa proibita e illegale a causa di complotti politico finanziari.

(altro…)

Si arrestano i malati: pazzesco!!!

Pensavamo non accadesse, ma invece è accaduto…

Già perché un onesto cittadino, che con tante difficoltà – perché anche crescersi due piccole piantine autofiorenti è difficile e costoso! – cerca di curarsi utilizzando la sostanza, o le sostanze, che meglio si addicono ai suoi problemi, senza danneggiare nessuno, anzi facendo del bene alla comunità non regalando soldi ai criminali, giammai POTREBBE PENSARE che lo Stato, che i più deboli, e a maggior ragione i malati, dovrebbe tutelare, questi cittadini li danneggi, li perseguiti e li criminalizzi!!!

Dalle lettere a Matteo… ci sarebbe da fare una rubrica. Matteo Gracis è il direttore di Dolcevita la nota rivista antiproibizionista promotrice della campagna iocoltivo.eu. Campagna di cui abbiamo già parlato, che sosteniamo e che dimostra l’assurdo del sistema italiano. Iocoltivo.eu istiga a delinquere, eppure non viene chiuso, invece i cittadini malati vengono arrestati se coltivano due innocue piantine (praticamente bonsai, e pianteremmo ben altro!). RIDICOLO!!! HAHAHA!!! …ma da chi siamo difesi? Da Pulcinella!!! CAMBINO SUBITO QUESTE LEGGI INFAMI!!!

Il 28 lotto da Bonafede

Il 28 luglio 2020 saremo presso il ministero della Giustizia per continuare a chiedere a gran voce che cessi questa persecuzione verso gli utenti della cannabis, soprattutto i malati che potrebbero risparmiare milioni di euro piantandola, sottraendo gli stessi milioni alla criminalità. Già perché molti malati, pur di avere la loro terapia, devono rivolgersi al mercato nero. Tutto questo è troppo ingiusto, speriamo che Bonafede concordi con noi.

Andrea trisciuoglio, Davide Scrano, Alberico e Omar Nobile, Dario Verga, Fabrizio Pellegrini, Carlo Monaco, Enrico Costantini, Manlio Minichini, Giuseppe Rossodivita e la sempre presente sul campo Rita Bernardini il 28 luglio continueranno questa lunga lotta antiproibizionista dall’esito scontato: vinceremo e chiederemo i danni allo Stato!!!

Fatti (bello/a) con la cannabis!

Cannabis e dipendenze

Se non sono un tossicodipendente lo devo in prima linea alla cannabis! Se non ho avuto problemi a utilizzare oppiacei come l’eroina e ad uscirne pulito, e in salute mentale e fisica, tanto da poter conseguire una laurea in ingegneria e lavorare producendo reddito per me e per gli altri, lo devo in prima linea alla cannabis.

La cannabis ha solamente migliorato la qualità della mia vita praticamente da tutti i punti di vista, è stata più utile di tantissime altre sostanze che ho utilizzato alla ricerca del benessere psico fisico e molto meno dannosa delle altre sostanze.

Oggigiorno il CBD mi apre altre prospettive di benessere, la ricerca tanto auspicata, che per fortuna nonostante il criminale proibizionismo è andata e va avanti, ci ha fatto isolare e conoscere questa preziosa molecola, e tante altre molecole e meccanismi stiamo conoscendo. Avremmo molte più possibilità se fosse già libera, e fosse semplice già per ognuno sperimentare e testare diverse varietà alla ricerca del benessere. Parliamo di sollievo dai problemi gastrointestinali, come di sollievo da ansia e depressione, come si sollievo da dolori cronici, o da inappetenza, o da insonnia… parliamo di star bene, cosa che il proibizionismo ci nega.

Vorrei poter utilizzare più CBD e assumere meno cannabis fumando, di certo fumo molto meno tabacco di quando avevo vent’anni e fumavo un pacchetto di sigarette al giorno, ma se non ci fosse il proibizionismo che limita disponibilità e fa lievitare i costi, potrei assumere solo cannabis, magari vaporizzandola. Quanto danno fanno quei criminali dei politici che sostengono certe leggi anacronistiche, assurde e dannose per il popolo.