Coltivare cannabis è vietato, ma se il numero di piante è esiguo, e a maggior ragione se se ne fa un utilizzo terapeutico, è ormai più che lecito, almeno a giudicare dall’attuale orientamento giurisprudenziale e anche per puro buon senso, quel senso pratico, e umano, di cui ci si augura siano dotate sia le forze dell’ordine che i magistrati.

Inoltre mentre scrivo sono state quasi raggiunte le 500.000 firme necessarie per fare un referendum e rendere legale la coltivazione ed è anche in attesa di seguire il suo iter un testo da pochi giorni uscito dalla commissione Giustizia, che renderebbe possibile coltivare fino a 4 piante, ridicolo per tante ragioni che le capre ignoranti e belanti dei politici proibizionisti ignorano, ma sarebbe già una gran cosa.

Led Niello e cannabis

Recentemente molti coltivatori, professionisti e non, si sono orientati per varie ragioni nell’usare i led per coltivare la cannabis. Se sei su questa pagina è probabile che tu stia cercando informazioni sulle lampade LEd per piante recanti il brand Niello, facilmente trovabili sia su Amazon che su E-Bay.

Il più venduto è il seguente

https://amzn.to/37GogAr

Giovanni Caggia, medico neurochirurgo pugliese, iscritto all’Ordine dei Medici della Provincia di Lecce in data 30.1.1981 con numero di iscrizione 3155, è attualmente responsabile del Dipartimento di Neuroscienze e Centro Cefalee dello Studio Radiologico Associato Calabrese di Cavallino (LE), struttura privata accreditata con il Sistema Sanitario Nazionale. Tra i primi dottori in Italia ad utilizzare la cannabis come terapia per per varie patologie.