Lo stato della scienza circa la cannabis è spesso travisato. Così conclude l’articolo sul sito tonic.vice.com in merito al rapporto tra marijuana e ansia, intitolato “Everything We Know About Treating Anxiety With Weed“ e consultato per scrivere il nostro recente articolo su cannabis e ansia. Lo abbiamo tradotto per voi di seguito.

Tutto quello che sappiamo sul trattare l’ansia con l’erba

L’erba può, per alcuni, causare ansia. Questa è una delle cose più risapute nella conoscenza popolare sulla cannabis, e secondo la psicologa Susan Stoner, che ha revisionato la letteratura scientifica sugli effetti della cannabis sulla salute mentale, è anche uno degli effetti avversi più comunemente documentati dell’uso di prodotti a base di erba.

Allo stesso tempo, molti nella comunità della cannabis credono che l’erba possa anche aiutare le persone a trattare o gestire la propria ansia. La fede in questo paradosso è così diffusa – e l’ansia è una questione così comune – che la psicologa ricercatrice Carrie Cuttler ha recentemente scoperto che “era il numero due dei motivi per cui i pazienti di cannabis medica hanno riferito di usare cannabis”.

La ricerca su cannabis e ansia?

Come per altre affermazioni diffuse sui presunti benefici dell’erba, tuttavia, la maggior parte delle persone che hanno studiato la cannabis e i suoi componenti ritengono sia troppo presto per dire se possa effettivamente aiutare con l’ansia. “Ci sono poche prove di ricerca sugli effetti della cannabis nel trattamento dell’ansia”, dice Cuttler, “o sulle dosi e sui ceppi che possono essere più utili.”
La maggior parte dei ricercatori che ho consultato per questo pezzo ha sottolineato che la ricerca futura potrebbe definire trattamenti a base di cannabis chiari ed efficaci per almeno alcuni tipi di ansia o di alcune persone ; ci sono linee di ricerca promettenti in corso. Ma per ora, chiunque voglia valutare l’erba o prodotti correlati per la gestione dell’ansia farebbe bene a prendere la saggezza popolare con un pizzico di sale in testa.

I racconti popolari sostengono che molti episodi d’ansia innescati dalla cannabis derivano da utenti inesperti spaventati dalla sensazione di sballo. Più in generale, però, la letteratura medica dice che i cervelli stressati hanno spesso carenza di cannabinoidi, quindi un po’ di erba compenserebbe questo deficit. Gli effetti rilassanti di un buon sballo possono anche aiutare a ridurre i sintomi di un attacco di stress acuto.

Per l’ansia è meglio una varietà con molto CBD o THC

Alcune persone possono sentirsi ansiose quando fumano erba anche dopo aver acquisito una certa esperienza, perché ognuno reagisce in modo diverso ad essa; queste persone dovrebbero stare lontano dall’erba. Ma per tutti gli altri, pubblicazioni come High Times e Leafly raccomandano regolarmente particolari ceppi che sostengono possano aiutare con vari tipi di ansia, spesso quelli più ricchi di CBD, calmante, piuttosto che di THC, che fa sballare.

La ricerca esistente si allinea con la saggezza popolare. Sappiamo, per esempio, che il THC e il CBD, componenti principali dell’erba, interagiscono con i sistemi cerebrali che influenzano l’ansia. Il THC può agire su questi sistemi per ridurre l’ansia in alcune persone a basse dosi, ma il rischio di incorrere in risposte ansiose aumenta con dosi più elevate.

Alcuni studi, nel frattempo, suggeriscono che il CBD ha effetti anti-ansia più generali e affidabili. I meccanismi con cui ciascuna di queste sostanze influenza l’ansia rimangono poco chiari. Tuttavia, tutto questo sembra sostenere l’idea che “un rapporto più elevato tra THC e CBD è più probabile che causi ansia”, dice Carl Stevenson, un neuroscienziato che ha studiato gli effetti dei composti all’interno della cannabis sulla paura e sull’ansia, “mentre un inferiore il rapporto potrebbe avere l’effetto opposto, alleviando l’ansia. “

Tuttavia, la ricerca sulla cannabis e i suoi effetti sull’ansia è completamente embrionale. La maggior parte di ciò che sappiamo si basa su modelli animali, che – sottolinea il neuroscienziato e ricercatore di cannabis Ryan McLaughlin – non sempre si traducono bene negli umani. I pochi studi sull’uomo che sono stati fatti, aggiunge il ricercatore del disturbo d’ansia Michael van Amerigen, sono stati piccoli e limitati nella loro portata e nelle metodologie usate. Solitamente hanno osservato solo popolazioni sane, non persone con disturbi d’ansia chiari e definiti in contesti clinici, e sicuramente non a lungo termine.

Quanto conta il tipo di ansia?

“L’ansia non è un’entità patologica monolitica”, afferma James Giordano, professore di neurologia e biochimica presso il Medical Center della Georgetown University. “C’è ansia acuta piuttosto che cronica. C’è un’ansia che ha un aspetto più fortemente traumatico “, come il disturbo da stress post-traumatico (DPTS) . Diverse forme di ansia possono avere radici neurochimiche leggermente diverse, portando a diversi effetti legati alla cannabis. La cannabis può anche interessare solo alcuni sintomi dell’ansia piuttosto che l’intera condizione; Van Ameringen sottolinea, ad esempio, che mentre gli studi sembrano dimostrare che i prodotti a base di erbe possono aiutare le persone con DPTS a dormire ed evitare i flashback, potrebbe non migliorare le loro condizioni generali, e potrebbe anche peggiorarle. Inoltre, osserva Stoner, ogni individuo potrebbe avere diverse reazioni alla cannabis e ai composti al suo interno in base alla sua genetica o persino alla messaggistica culturale che ha interiorizzato su come una determinata sostanza dovrebbe influenzarlo.

A partire da ora, i ricercatori non sanno con certezza quali forme o aspetti dell’ansia che il THC o il CBD potrebbero essere in grado di aiutare in generale o in popolazioni specifiche. Né sanno se questi o altri composti potrebbero scatenare l’ansia o esacerbare i disturbi d’ansia in alcune popolazioni.

Le incognite diventano ancora più estreme quando parliamo dell’intere pianta di cannabis piuttosto che composti specifici isolati da essa. Ci sono più di 100 altri cannabinoidi nella foglia della canapa, nota McLaughlin, per non parlare di altri composti potenzialmente importanti come i terpeni. “Non sappiamo quasi nulla di questi composti”, dice. “Certamente non sappiamo se alcuni degli effetti” che gli utenti di cannabis hanno segnalato nel corso degli anni “sono attribuiti alle interazioni tra loro”.

Che varietà o che prodotti a base di cannabis dovrei usare per l’ansia

“Tutto sommato,” afferma Stoner, ” è praticamente una mera speculazione ciò che una certa varietà o prodotto potrebbe fare a una certa persona
per quanto riguarda l’ansia.” Questo è particolarmente vero quando si considera quanto possa essere inattendibile la qualità o il contenuto di un determinato ceppo da negozio a negozio o da lotto a lotto , e quanti altri componenti potrebbero esserci in qualcosa venduto come, ad esempio, un supplemento a base di CBD puro.

I consumatori attuali o potenziali di cannabis interessati alla gestione dell’ansia spesso non sentono parlare di queste sfumature o limitazioni perché tante informazioni che circolano nei dispensari e online si basano su aneddoti o esperienze personali. Quando i produttori di cannabis si cimentano con gli studi esistenti, sostiene Stoner, spesso semplificano troppo e li travisano anche. Alcuni produttori e rivenditori fanno un buon lavoro invitando alla cautela e offrendo consigli validi, osserva Giordano. Ma per i potenziali clienti può essere difficile dire chi sono quelli affidabili.

Fino a quando la ricerca non avanza al punto che si possa parlare in modo più definitivo delle intersezioni della cannabis, dei suoi composti costitutivi e dell’ansia, cosa che potrebbe richiedere un po’ di tempo in considerazione dello stato legale della marijuana, del nostro attuale livello di conoscenza e dei problemi a reperire finanziamenti. Molti ricercatori raccomandano che le persone cerchino altrove aiuto per la loro ansia. Van Ameringen sottolinea che ci sono molti farmaci efficaci per l’ansia. Per coloro che non vogliono dipendere dalle pillole, Cuttler aggiunge che la terapia comportamentale cognitiva a breve termine e trattamenti simili possono essere molto efficaci per la gestione di molti tipi di ansia a breve e lungo termine.

Cosa dovrei fare se volessi ancora prendere la cannabis per l’ansia

Per tutti coloro che non hanno avuto successo con questi trattamenti, o che stanno esplorando l’erba per la gestione dell’ansia, i ricercatori con cui ho parlato hanno alcuni consigli: dato ciò che sappiamo finora, raccomandano di usare prodotto con elevata percentuale di CBD o CBD puro, almeno qualcosa con parti uguali tra CBD e THC. McLaughlin nota che, fintanto che mancano prove scientifiche definitive, informazioni aneddotiche sulle varietà ideali possono essere utili, ma non dovrebbero essere considerate come vangelo. Un’attenta sperimentazione con diversi ceppi è un must. Come per ogni nuovo farmaco, Giordano consiglia di iniziare con una dose bassa e di aumentarla lentamente; Cuttler raccomanda di notare metodicamente qualsiasi cambiamento nel sintomo e nell’esperienza per capire cosa funziona e cosa no.

Se trovate qualcosa che funziona per qualunque tipo di ansia state vivendo, è grandioso. Ma Cuttler sconsiglia di basarsi su di essa come soluzione a lungo termine. Le limitate ricerche, che si hanno sull’argomento, suggeriscono che le persone possono sviluppare tolleranze agli effetti utili del’erba o dei prodotti correlati, e possono anche sviluppare effetti collaterali negativi, forse anche peggiorando la loro ansia, a lungo termine.

Nulla di ciò è probabilmente ciò che coloro che cercano sollievo dalla loro ansia attraverso l’erba o un prodotto a base di erba vogliono sentire. Purtroppo questo è solo lo stato della scienza sulla cannabis in questo momento: provvisorio e spesso travisato. Finché ciò non cambia, è meglio approcciare le soluzioni a base di cannabis con la dovuta cautela.

Dottore in Ingegneria Informatica, laureatosi con una tesi di ricerca presso il CNR sul riconoscimento biometrico utilizzando il pattern dell’iride umana, web developer e web marketer presso la web agency Web Lab24. Uomo di scienza, convinto antiproibizionista e utilizzatore di cannabis da oltre venti anni. Un fottuto aspie che controlla i suoi melt down e la sua asocialità con la cannabis, ma che se sente parlare un proibizionista non garantisce per la sua incolumità! Un cittadino in attesa di leggi più giuste e in attesa di risarcimento.