Stress e ansia

Conosciamo tutti la sensazione di ansia prima di un esame o di un evento importante. Si prova una sorta di angoscia unita a una sensazione di disastro impellente, che quando accompagna troppo spesso le sfide e le richieste che la vita normalmente ci pone, potrebbe essere un segno di ansia cronica e potrebbe essere necessario un intervento per ripristinare una risposta più fisiologica agli eventi stressanti.

Sfortunatamente, le soluzioni che l’attuale medicina offre per questo problema sono insufficienti per molte persone. Se si lotta con lo stress o l’ansia cronica, si potrebbe considerare di integrare gli eventuali trattamenti già in corso utilizzando cannabis ad alto contenuto di CBD o olio di CBD. Ma quali sono le prove che il CBD funziona?

La crescente popolarità dei prodotti a base di CBD come integratori anti-ansia è sostenuta da numerose ricerche piuttosto convincenti, anche se c’è ancora molta strada da fare. Attualmente sono in corso diversi studi clinici con esseri umani, ma esistono già buone prove dell’utilità del CBD per:

  • Disturbo d’ansia generalizzato
  • Malattia da panico
  • Disturbo d’ansia sociale
  • Disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)
  • Disturbo da stress post-traumatico (PTSD)

Per capire come funziona il CBD, immergiamoci di seguito in alcune nozioni scientifiche su come lo stress influenza il nostro corpo e il nostro cervello.

Lo stress cronico e l’ansia danneggiano il nostro corpo

Modesti rilasci di ormoni dello stress dicono al nostro corpo di prepararsi per una situazione di “lotta o fuga”. Sfortunatamente, i nostri corpi non sono stati progettati per gestire uno stato di panico perpetuo. Livelli cronicamente elevati di ormoni dello stress – in particolare il cortisolo – danneggiano i nostri organi e apparati, con conseguenze che includono:

  • Depressione
  • Malattie cardiache
  • Problemi digestivi
  • Sistema immunitario indebolito
  • Fatica
  • Aumento di peso
  • Mal di testa
  • Tensione muscolare
  • Squilibrio degli endocannabinoidi

Davvero una brutta storia, ma c’è una buona notizia! Quale? Se siete costantemente stressati e soffrite anche di uno qualsiasi di questi problemi, il trattamento potrebbe migliorare i vostri sintomi.

Ansia: come diventa cronica

L’AIFA lo scorso anno ha stimato un aumento dell’8% rispetto all’anno precedente dei disturbi legati all’ansia e circa due milioni e mezzo di italiani soffrono di questa sindrome – dove sentimenti di terrore, impreparazione e pericolo imminente si ripresentano sempre più spesso, portando a pensieri compulsivi e reazioni fisiche. Da dove vengono questi sentimenti?

Un importante contributo è dato dalla nostra genetica. Piccole differenze nella produzione e regolazione dei nostri ormoni o neurotrasmettitori (come la serotonina e la norepinefrina) possono avere un impatto enorme su come rispondiamo allo stress. Un altro pezzo del puzzle include tossine presenti nell’ambiente e lo stile di vita, che influenzano, direttamente e indirettamente, la nostra neurochimica.

Ma probabilmente la più grande fonte di ansia è lo stress, che porta ad una sorta di circolo vizioso in cui lo stress genera ansia che aumenta lo stress.

Lo stress pasticcia con la chimica del nostro cervello

Oltre a danneggiare il nostro corpo, lo stress cronico “ricabla” anche il nostro cervello. Gli ormoni dello stress “dicono” al cervello:
«Concentrati, sii più insensibile e preparati» . Sfortunatamente, quando questo messaggio non viene mai disattivato, il cervello si modificherà per ignorare il messaggio.

Gli scienziati stanno ancora scoprendo i molti livelli di cambiamenti che avvengono in risposta allo stress cronico – che includono sia la struttura del cervello che la sua chimica. Alcune regioni del cervello diventano iperattive, mentre altre si atrofizzano e si restringono e cambiano anche i livelli dei neurotrasmettitori (come la serotonina, la dopamina e gli endocannabinoidi) e dei loro recettori.

Anche se si riesce a ridurre lo stress che gli ha indotti, questi cambiamenti potrebbero persistere, insieme ai loro effetti negativi sul resto del corpo. Quando ciò accade, potrebbe essere necessario del supporto per ripristinare l’equilibrio nel nostro cervello.

L’ingrediente segreto antiansia dell’erba

Se hai sperimentato prodotti a base di cannabis, probabilmente conosci lo spettro delle reazioni che le persone possono avere quando sono “sballate”. Si passa da situazioni piacevoli in cui relax e divertimento prevalgono a esperienze paranoiche in cui ansia e angoscia la fanno da padroni. A quanto si è scoperto questa imprevedibilità deriva principalmente dalle variazioni nelle quantità e nei rapporti tra fitocannabinoidi e terpeni, che agiscono in sinergia. Troppo THC può sovrastimolare i recettori CB1 del corpo, mentre la molecola sorella non sballante del THC, il cannabidiolo (CBD), può contrastare direttamente e indirettamente l’esperienza dell’ansia causata da un eccesso di THC. Diversi ceppi di cannabis hanno diverse concentrazioni di queste due molecole – questa è appunto una delle ragioni per cui ansia e cannabis possono dare risposte molto diverse. Grazie in parte alla marijuana medica e agli sforzi di legalizzazione, l’umanità sta vivendo una sorta di rinascimento nella ricerca e nelle tecniche di produzione della cannabis – rendendo molto più semplice la produzione di CBD da piante prive di THC, creando prodotti con le proprietà curative della cannabis senza lo stigma culturale o spiacevoli effetti collaterali talvolta associati alla cannabis.

Il cannabidiolo, la molecola “sorella” del THC

Prove che il CBD calma lo stress e l’ansia

Oltre alle brillanti testimonianze di individui che trattano con successo la loro ansia con l’olio di CBD, c’è anche un crescente corpo di prove scientifiche che il CBD funziona. La maggior parte della ricerca è stata fatta nei roditori. Una recente revisione discute 32 diversi studi sui roditori che hanno testato gli effetti del CBD sull’ansia – e solo uno non ha visto risultati utili.

Gli esperimenti umani sono costosi e giuridicamente complicati – il che non sorprende che gli studi sugli esseri umani siano meno numerosi e meno conclusivi. Ma nel complesso, sono emersi due eccitanti usi per CBD nell’ansia sia per i roditori che per gli umani:

Meno ansia in risposta allo stress

Questi esperimenti mettono i soggetti in prova in una situazione stressante e misurano i loro livelli di ansia:

Evidenze sui topi: in un esempio, i topi sono stati posti in una gabbia con un boa constrictor. I topi trattati con basse dosi di CBD (equivalenti a un dosaggio di 20 mg per una persona di 150 libbre) hanno dedicato più tempo alla scansione del loro ambiente e alla scelta del luogo più strategico da gestire invece di farsi prendere dal panico.

Evidenza umana: parlare in pubblico è l’equivalente umano di un boa constrictor. La CBD migliora l’ansia da prestazione sia per le persone senza disturbi d’ansia sia per le persone con disturbo d’ansia sociale.

Apprendimento dell’estinzione

Un modo per superare l’ansia è attraverso “l’apprendimento dell’estinzione”, ossia imparare a “disinnescare” lo stato di apprensione quando non c’è più nulla da temere. Questi esperimenti spesso insegnano ai soggetti del test a associare qualcosa di innocuo a qualcosa di doloroso e quindi a misurare il tempo necessario per smettere di temere l’innesco innocuo dopo che hanno smesso di dare dolore. Questo è particolarmente rilevante per le persone che soffrono di DSPT (disturbo da stress post-traumatico):

Evidenze sui topi: i roditori si “congelano” di paura quando sono condizionati ad aspettarsi una scossa elettrica. Tuttavia, se gli scienziati danno loro CBD durante il processo di apprendimento dell’estinzione, sono meno propensi a congelare in attesa dello stimolo doloroso – anche dopo che il CBD è svanito.

Evidenza umana: anche le persone sono state condizionate ad aspettarsi una scarica elettrica quando vedono un segnale visivo. Coloro che hanno inalato una dose da 32 mg di CBD durante il processo di extinction learning (senza shock) erano meno preoccupati di ricevere uno shock quando sottoposti a test due giorni dopo – molto tempo dopo che il CBD era svanito.

Come il CBD combatte l’ansia

Il cannabidiolo ha più di 65 recettori bersaglio in tutto il corpo, il che rende difficile individuare le fonti delle sue diverse proprietà terapeutiche. Gli studi attualmente suggeriscono che il CBD contrasta l’ansia stimolando i sistemi di neurotrasmettitori e la rigenerazione neurale. Ecco le prove:

Serotonina: la maggior parte delle persone associa serotonina alla felicità. Tuttavia, il ruolo di questo neurotrasmettitore è molto complesso e i suoi effetti dipendono da dove si trova e da ciò a cui si lega. (Contrariamente alla credenza popolare, più serotonina non è necessariamente meglio – la disfunzione può derivare da bassi o alti livelli di serotonina, nonché da malfunzionamenti con i loro recettori.) La serotonina ha almeno 14 diversi recettori, ma il CBD si lega specificamente a 5-HT1A che si pensa di avere il ruolo più forte nei disturbi d’ansia. Il noto farmaco anti-ansia buspirone si lega anche a questo particolare recettore, il che spiega gli effetti anti-ansia del CBD sui ratti esposti a situazioni stressanti.

Endocannabinoidi: il tuo corpo produce naturalmente cannabinoidi, che sono utilizzati in tutto il corpo e il cervello nel sistema endocannabinoide. Questo sistema può diventare disregolato sotto stress cronico. Tuttavia, il CBD potrebbe aiutare a ripristinare l’equilibrio del sistema endocannabinoide prevenendo la sovrastimolazione dei recettori CB1 e aumentando la produzione di endocannabinoidi da parte del corpo. Esperimenti sui roditori dimostrano che il CBD allevia il disturbo ossessivo compulsivo e altri comportamenti ansiosi agendo sul sistema endocannabinoide, che è coinvolto nel processare e dimenticare le nostre paure – cosa fondamentale per l’apprendimento dell’estinzione.

Rigenerazione neurale: sebbene lo stress cronico possa danneggiare i neuroni e persino restringere il cervello, alcune aree del cervello sono ancora in grado di rigenerarsi. Nel corso della nostra vita continuiamo a formare nuovi neuroni, creare nuove connessioni e far crescere il nostro cervello – e il CBD sembra potenziare questo processo. Ciò significa che il CBD potrebbe aiutare a controbilanciare il danno cerebrale causato dallo stress cronico. Numerosi studi hanno dimostrato che il CBD incoraggia la rigenerazione neurale, in particolare nell’ippocampo. In effetti, la sua capacità di ridurre l’ansia nei topi cronicamente stressati deriva dal potere del CBD di stimolare la crescita di nuovi neuroni (per ulteriori informazioni sul ruolo del CBD nella neuroplasticità e nella rigenerazione neurale, vedere il nostro prossimo articolo sulla depressione).

Trattamenti integrativi per lo stress e l’ansia

Con così tante costanti fonti di stress, le persone spesso hanno bisogno di un approccio più olistico per guarire dall’ansia. Persino i medici hanno iniziato a suggerire che le persone combinino trattamenti tradizionali di psicoterapia e farmaceutici con tecniche di rilassamento come lo yoga e la meditazione.

Se lo stress e l’ansia cronici hanno ricablato il cervello, ci vorrà tempo e lavoro per annullare il danno. Alla fine, puoi cambiare i tuoi schemi mentali abituali, ma potresti arrivare ancora più velocemente se aiuti attivamente i neuroni del cervello a crescere e ricostruire. (Per ulteriori informazioni su questo argomento, vedere il nostro prossimo articolo sui modi naturali per aumentare la rigenerazione neuronale.)

Se si sceglie di integrare i trattamenti per l’ansia con CBD, ciò funzionerà meglio come parte di un piano globale di terapia dell’ansia. Ti invitiamo a parlare prima con un professionista medico di fiducia dei tuoi piani, soprattutto se attualmente stai prendendo farmaci con prescrizione medica. Similmente al pompelmo, il CBD potrebbe interferire con la capacità del corpo di metabolizzare alcuni farmaci. Un medico o uno specialista possono anche aiutarti a escludere eventuali carenze o altri problemi di salute.

Dove trovare il cbd a Milano?

Nel capoluogo lombardo ci sono numerosi negozi di CBD, se volete una consegna rapida e a domicilio potete trovare olio a base di CBD a Milano presso Weedex, in meno di mezz’ora i prodotti saranno consegnati a casa vostra.

Cbd a Roma da Canapa Caffè

Se siete a Roma e siete interessati al CBD e alla cannabis vi consigliamo di visitare Canapa Caffè, sia il sito che il luogo fisico.

CBD di qualità in Italia: Hempy

Le aziende che abbiamo citato sopra si riforniscono da produttori di fiducia, e i venditori sono anche utenti della cannabis e del CBD, questo sicuramente garantisce una qualità maggiore dei prodotti venduti e una totale affidabilità. In ogni caso un’azienda di cui ci fidiamo molto è Hempy, una start up del settore cannabis, che da questa magica pianta oltre al CBD estrae vari terpeni, utili per disparati scopi e venduti come integratori. Su questo sito presto recensiremo alcuni prodotti a base di CBD, e parleremo delle aziende produttrici degli stessi, per ora Hempy è una di quelle che ci ha colpito di più, e quanto letto in rete conferma l’elevata qualità dei suoi prodotti.

Tutti gli esperti consigliano di fare un po’ di ricerche prima di acquistare prodotti con CBD e, soprattutto, di praticare un consumo attivo e consapevole. Non è sufficiente leggere gli ingredienti e l’etichetta “testato in laboratorio”, bisogna studiare l’azienda produttrice. Quant’è ampia l’offerta di prodotti con il CBD? Fornisce i negozi migliori? È conosciuta?

Vi auguriamo successo nel vostro percorso terapeutico e una profonda guarigione per il vostro cervello e il vostro corpo.

Medico chirurgo, specializzato in neurochirurgia, ex-dirigente 1°livello presso la Divisione di Neurochirurgia dell’Ospedale V.Fazzi di Lecce. Attualmente Responsabile del Dipartimento di Neuroscienze e Centro Cefalee dello Studio Radiologico Associato Calabrese di Cavallino(LE), struttura privata e accreditata con il Sistema Sanitario Nazionale. Uno dei primi medici in Italia ad aver utilizzato con successo terapie a base di cannabis.